La Tarros s’addormenta nel finale ma chiude a +7 su Tigullio

0

La Tarros s´addormenta nel finale ma chiude a +7 su Tigullio

La Spezia – “Mi è piaciuto molto l’approccio alla partita, abiamo iniziato molto bene e l’abbiamo chiusa praticamente subito” – afferma un soddisfatto Presidente Danilo Caluri al termine della partita che ha visto la sua Tarros avere ragione del Tigullio e prosegue – “Sul finale un calo di tensione ha ridotto un gap numerico, per quel che concerne il risultato, che avrebbe potuto, così come è stato per tre quarti dell’incontro, essere molto più consistente. Il finale, ovviamente, non è stato dei migliori, ma dobbiamo considerare tutto, anche che mancavano ancora due giocatori del calibro di Santoni e Delibasic e Cota non era certo al meglio. Un plauso a tutti i ragazzi ed al coach”.

Coach che parte proprio dal finale: “Certi cali non devono esserci: abbiamo messo al sicuro la partita praticamente subito ed alla fine abbiamo rischiato di rimettere tutto in gioco. Dovremmo lavorare su questo. La squadra, però, per 30 minuti mi è piaciuta molto: ottimo inizio di partita, contrariamente a quanto avevamo fatto a Chiavari, abbiamo impostato tutto lì; bene anche il secondo tempino durante il quale abbiamo mantenuto il vantaggio, ed anche il terzo, nel quale abbiamo dilagato. Da rivedere, senza dubbio, gli ultimi dieci minuti. Ho visto però ulteriori passi avanti anche rispetto ad una settimana fa”,

Buona anche la seconda sulla panchina binaconera, quindi, per coach Martini, all’esordio tra le mura amiche del PalaSprint.
La cronaca è quella di una partita chiusa ben poco dopo la palla a due, con la Tarros che dopo i primi dieci minuti è avanti di 17 punti. Stesso divario con il quale le due formazioni vanno alla pausa lunga. Al rientro sul parquet sono ancora i bianconeri a tenere in mano le redini del gioco ed accumulare ulteriore vantaggio. Sono 22 i punti da gestire nell’ultima frazione: un ottimo bottino che permette ad una Tarros dal volto completamente diverso da quello dei primi tre quarti gara di non affondare.
Unica conseguenza di una frazione praticamente regalata agli avversari è che il gap finale è piuttosto ridotto. Si chiude sul 70-63.
Finale senza dubbio da rivedere, per il resto bella prova dei bianconeri.

Prossimo impegno domenica 24 gennaio alle ore 18.00 al PalaMariotti: va in scena il derby con il Follo.

Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.