Campo Montagna, pronto il bando per la gestione: si cerca un progetto che apra la struttura alle società sportive ma anche all’intera città (foto)

0

29451637338a00f59118c73c5641bf75_L

Di Gabriele Cocchi – Il campo sportivo Montagna prenderà presto una nuova forma. In tempi ragionevoli, avrà nuova vita e verrà affidato ad un nuovo gestore, che avrà il compito di prendersene cura, di trasformarlo attraverso opere di rifacimento e di manutenzione, di farne un punto ricreativo che sappia vivacizzare una zona – la parte nord della città – troppo, colpevolmente, trascurata negli ultimi anni.

“Presentiamo il lavoro di una persona – esordisce l’assessore all’organizzazione dell’ente e alle aree militari Jacopo Tartarini – l’ex assessore Francesca Angelicchio, che ne ha seguito i vari passi e che per questo, anche se oggi non fa più parte della giunta, ringraziamo”.
Il bando per la gestione del campo sportivo, che verrà pubblicato oggi stesso in Gazzetta Ufficiale, prevede il rifacimento pressoché completo della pista di atletica (“che sarà la migliore d’Italia”, assicura il sindaco Massimo Federici), della tribuna e degli spogliatoi.
Stiamo parlando, per gli amanti dei dettagli, di una sublocazione: “sublochiamo il campo sportivo – dice Tartarini – dalla Marina Militare ad un soggetto da individuare tramite il bando, che sarà a tutti gli effetti il gestore del campo”.

Si trattava, spiegano gli assessori Tartarini e Saccone, di pensare un bando che trascurasse quanto il comune incasserà nel tempo attraverso il canone di affitto: si partirà infatti da una base di zero euro come canone di affitto incassato dall’amministrazione comunale; se il gestore proporrà poi un canone superiore alla base di partenza, otterrà un punteggio superiore. La domanda posta a chi vorrà gestire il campo sportivo Montagna è quindi “se ti affidiamo l’intero parco sportivo, cosa ne fai, quanto ci investi, che garanzie ci dai?”. “Il bando – spiega Tartarini – prevede che venga presentato un progetto per la ‘remise en forme’ del campo sportivo. All’interno del bando prevediamo anche strutture che oggi non sono presenti. Ci sarà un punteggio per ogni proponente, e il bando migliore otterrà il punteggio più alto”.

“Il vero scopo del bando che verrà pubblicato oggi – conclude l’assessore citando lo stadio di atletica di Londra, costruito nella zona degradata di Newham – è quello di illuminare una zona della città un po’ trascurata”.
“Spero che con questo bando – aggiunge l’assessore ai lavori pubblici Corrado Mori – si possa trovare un gestore che, non trascurando il profilo sportivo del campo, riesca a portare al Montagna le famiglie, ne faccia un luogo vivo e vivibile, possibilmente anche con strutture di ristoro”.

Non dimenticando che il campo Montagna farà parte del nuovo futuro campus universitario e che fa già oggi parte del neonato liceo sportivo Pacinotti e di un comprensorio che abbraccia anche lo stadio Alberto Picco, bisogna aggiungere che la concessione al nuovo gestore avrà una durata, rinnovabile, di nove anni: se il nuovo gestore necessiterà di una gestione più lunga, verrà penalizzato di mezzo punto per ogni anno superiore ai nove previsti.

Fonte “Gazzetta Della Spezia

Share.

Leave A Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.